Ottocento

un approccio vittoriano alle sfide della società moderna

Napoli colera!

Posted by kaiza su 22/05/2008

Via a 7 discariche, carcere per chi le blocca

NAPOLI — La lista dei «siti» dove saranno portati i rifiuti è rimasta segreta appena poche ore. Poco dopo le 21, quando a Palazzo Chigi sono arrivati i vertici delle Forze dell’ordine, il prefetto di Napoli Alessandro Pansa e quelli delle altre province campane, è apparso chiaro che la «militarizzazione» era di fatto scattata. Perché questo ha deciso il governo per far fronte all’emergenza rifiuti: a presidiare le discariche saranno mandati i soldati, chi tenterà di forzare il blocco di sorveglianza rischia l’arresto fino a un anno, per chi organizza i disordini gli anni di carcere salgono a cinque. Usa toni da «stato di guerra» il premier Silvio Berlusconi quando di fronte a centinaia di giornalisti illustra il piano varato dal suo esecutivo. Dice che il problema sarà affrontato «come fosse un terremoto o un’eruzione vulcanica», spiega che «il tempo è scaduto» e dunque «si fanno scelte dolorose e difficili, con umiltà e fermezza».

Tralasciando il fatto che è dal ’94, che il tempo è scaduto, siamo orgogliosi che finalmente il Governo segua la linea di pensiero di Ottocento, ovvero la Punizione Senza Spiegazioni(TM). A meno che non si voglia considerare “si fanno scelte dolorose e difficili, con umiltà (?) e fermezza” una sensibilizzazione dei cittadini al problema, incredibilmente condensata. Ad ogni modo, siamo soddisfatti dell’approccio: punire senza educare funziona da generazioni con i bambini, è ampiamente dimostrato; perché non dovrebbe funzionare con i terroni?

L’unico aspetto che ancora non ci convince è la mancanza di originalità nell’opporre l’esercito (ventenni devianti con armi da fuoco) alla popolazione civile (venti-sessantenni incazzati con armi bianche E da fuoco). Nonostante dimostri sicuramente carattere, questa strategia sa di già visto, già sentito; diciamo che ci ricorda il G8 di Genova, e sappiamo come è andata a finire:

Non vogliamo altri carabinieri umiliati e feriti, vero?

Annunci

4 Risposte to “Napoli colera!”

  1. alvaraalto said

    non ho capito solo la scelta del titolo…
    Napoli colera! credo si riferisca all’epidemia di colera del ’73 vero? si riferisce agli insulti che gli altri tiravano (e oggi tirano di nuovo)contro la città di napoli?

  2. kaiza said

    Si riferisce da un lato al tipico insulto contro napoli; dall’altro al fatto che molti contestatori delle discariche non sono contrari ipso facto, ma perché paventano possibili epidemie, appunto, a causa del mancato rispetto delle norme di sicurezza qualora le discariche vengano gestite dalle cosche.

  3. Q said

    speriamo che thor intervenga di nuovo (ma mi dicono che joeph loeb abbia “banalizzato” la serie, perdendo lo spessore politico di millar)

  4. valerio said

    …perchè deve sempre arrivare un superuomo,
    alto, biondo, con gli occhi azzurri a salvarci????
    Preferisco la monnezza,
    al razzismo strisciante.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: